CESVI
CISP
COOPI
COSV
CUAMM
GVC
ICU
INTERSOS
LVIA
IN PRIMO PIANO
E' stata presentata alla Commissione Esteri del Senato durante l'audizione del 20 marzo 2014 una nota sintetica a cura dalle reti AOI-CINI-LINK2007 con commenti e proposte ai disegni di legge (Ddl 1326) che contiene commenti e proposte ai disegni di legge sulla Cooperazione allo Sviluppo dell'Italia (ddl n.1326). Le organizzazioni da noi rappresentate hanno accolto con favore l'approvazione da parte del Governo del disegno di legge volto a dare una nuova disciplina alla cooperazione internazionale del nostro Paese. La legge n.49/1987 necessita da tempo di seri aggiornamenti ed aggiustamenti per mettere l'azione dell'Italia al passo con i rapidi mutamenti politici ed economici internazionai e con i nuovi indirizzi della cooperazione espressi nei consensi internazionali. E' una riforma di cui si discute da molti anni, che è auspicabile il Parlamento possa realizzare in tempi brevi, facendo tesoro dell'ampio dibattito e delle ampie consultazionii della legislatura precedente. Occorre infatti restituire alla cooperazione internazionale allo sviluppo il suo valore nelle relazioni internazionali dell'Italia, riconoscendone il carattere di irrinunciabile investimento per il nostro Paese e per il futuro del mondo globalizzato, oltre che di preciso dovere etico di solidarietà. Il DDL n.1326 a nostro avviso presenta alcune carenze che, se non corrette, rischiano di contraddire la volontà espressa per un forte cambiamento, funzionale alla nuova visione dei rapporti internazionali e alle nuove strategie e modalità di attuazione della cooperazione. Queste criticità possono essere facilmente superate, con un miglioramento puntuale del testo per renderlo piu' coerente ed inequivocabile, salvaguardando l'apertura ai cambiamenti europei ed internazionali in materia di cooperazione allo sviluppo e la necessità di non introdurre nella legge materie che devono essere oggetto di successivi interventi normativi. Per il download della nota, cliccare sul titolo. Documento presente anche nella sezione SALA STAMPA
Link2007 partecipa al concorso “ARE YOU SERIES?”, pensato da Milano Film Festival e realizzato grazie al sostegno di Banca Prossima, con la web serie NON PROFIT PEOPLE. “NON PROFIT PEOPLE” è un viaggio attraverso dieci paesi e tre continenti, per entrare attraverso lo sguardo dei cooperanti delle ONG di Link2007 nel vivo delle attività che il no-profit italiano realizza nei progetti di cooperazione. Una finestra che di puntata in puntata si apre sulle diverse sfaccettature del lavoro nella cooperazione, per conoscere le attività sul territorio e scoprire come si fa a lavorare con le ONG. Il promo ha passato la prima selezione! In attesa di sapere quale dei progetti selezionati vincerà la produzione dell'intera serie web, vi invitiamo a vedere il promo e a condividerlo. Questo è il link: http://www.youtube.com/watch?v=kqk0WrSWoDk Le ONG di LINK2007 che hanno aderito al progetto sono: CISP – COSV- GVC -ICU – INTERSOS – LVIA
“Rigore e trasparenza nella gestione delle risorse e nell’esposizione dei risultati ottenuti dai progetti di cooperazione allo sviluppo”: è quanto le ONG aderenti a Link 2007 - Cooperazione in Rete hanno assunto come “elementi fondanti la loro identità, la loro cultura e la loro visione strategica”. Questo percorso verso una piena accountability è stato intrapreso da alcuni anni “per rendere le proprie attività e le proprie strutture conformi agli standard internazionali, alle istanze delle società civili in Europa e nel Sud del mondo, ai criteri richiesti dai principali donatori”. Dopo un ultimo convegno a Roma, nel giugno scorso, per riflettere insieme ai referenti delle istituzioni politiche e del mondo della comunicazione sulle migliori modalità per far sì che quest’impegno si traduca in comportamenti e pratiche documentabili e confrontabili, il Consiglio di Presidenza dello scorso 14 ottobre a Milano ha unanimemente adottato un documento che impegna tutte le Ong di Link 2007 ad adeguarsi ai principi, valori e impegni di accountability ivi espressi. Tra i principi generali, il documento afferma che “l’accountability va intesa come un percorso da realizzare quotidianamente e non come un ‘certificato di qualità’ da acquisire una tantum”; che le ONG di Link2007 “assumono il D. Lgs. 231/2001 sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle societa' e delle associazioni e del D. Lgs. 81/2008 sulla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”. Sono così adottati criteri e modelli di tipo organizzativo, giuridico e amministrativo con sistemi di controllo e di verifica sia interni che esterni, di valutazione dell’efficacia e dell’impatto degli interventi, di pubblicizzazione dei risultati conseguiti e di informazione sulle attività, sui bilanci e sui dati finanziari. Tutto ciò appare quanto mai centrale in una fase come l’attuale, nella quale le ONG sono impegnate a far sì che la cooperazione internazionale sia posta al centro dell’agenda politica italiana e internazionale. Si tratta di impegni che le ONG di Link2007 assumono innanzitutto verso sé stesse e i propri operatori e operatrici e “nei confronti dei donatori, delle istituzioni, dell’opinione pubblica, dei governi e dei partner nei paesi in cui operano”. Il documento è scaricabile anche nella sezione SALA STAMPA e in APPROFONDIMENTI - Le nostre idee ed opinioni.
videobox
videobox
videobox
nome  nome nome
nome

 

nome