CESVI
CISP
COOPI
COSV
CUAMM
GVC
ICU
INTERSOS
LVIA
IN PRIMO PIANO
Abbiamo predisposto un DOCUMENTO che contiene le principali raccomandazioni emerse, la sintesi del dibattito e la lista dei partecipanti del Workshop che si è tenuto a Roma, presso il MAECI il 4 febbraio scorso, perchè possa contribuire concretamente alla definizione di linee guida attuative sul tema. Per il download del report, cliccare sul titolo. Vi invitiamo a visitare la Sezione SALA STAMPA per altri documenti, tra cui il Comunicato stampa di Carlo Gnetti e i due contributi: IMPRESE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE, OPPORTUNITA' POTENZIALITA' PARTENARIATI POSSIBILI e IL POTENZIALE RUOLO DEL SETTORE PRIVATO NELLE STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE
Roma, 4 febbraio 2015: Si è svolto alla Farnesina un importante workshop dal titolo: IL SETTORE PRIVATO NELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE promosso da Link2007 in collaborazione con la Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo del MaeCi. L’incontro, moderato dal Presidente di Link 2007, Paolo Dieci, ha visto la partecipazione, del Vice Ministro degli Affari Esteri Lapo Pistelli, del Direttore Generale della Cooperazione italiana allo sviluppo, Giampaolo Cantini, del capo della Direzione Crescita sostenibile e sviluppo di Europe Aid, Roberto Ridolfi, di numerosi vertici del mondo imprenditoriale e delle Ong. È una grande innovazione quella introdotta dalla nuova legge 11 agosto 2014, n. 125, Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo, che riconosce quali “soggetti” della cooperazione non solo le amministrazioni, gli enti pubblici e le organizzazioni senza finalità di lucro della società civile (ong e onlus) ma anche, per la prima volta, i soggetti privati profit. Viene cioè riconosciuta, come si legge nel documento preparato da Link2007 in vista dell’incontro, “la potenzialità del settore privato di generare crescita e sviluppo inclusivo e sostenibile nei paesi partner, sia investendo risorse proprie, sia in partenariato con governi, ong, organizzazioni internazionali, in attuazione della legge”. E' stata definita da alcuni dei presenti: COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO 3.0. Nella sezione sala stampa altro contributo distribuito durante l'evento: IMPRESE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE, OPPORTUNITA' POTENZIALITA' PARTENARIATI POSSIBILI e IL POTENZIALE RUOLO DEL SETTORE PRIVATO NELLE STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE
Vi segnaliamo due NUOVI BANDI, organizzati dal CDN Cooperation and Development Network, IUSS Università di PAVIA: - 19th Edition Master in Cooperazione and Development - New development Cooperation: between milestone and Current trends, master intensivo. Per maggiori dettagli: www.cdnpavia.net e nella sezione sala stampa del nostro sito.
videobox
videobox
videobox
nome  nome nome
nome

 

nome